[vc_row][vc_column][vc_empty_space height=”50px”][bunch_section_title title=”Viola odorata L.”][vc_column_text]Pianta erbacea perenne, stolonifera, appartenente alla famiglia delle Violaceae, può raggiungere i 15 cm di altezza.

Ambiente: margini dei boschi, siepi, nei luoghi erbosi e selvatici, può essere coltivata nei giardini o inselvatichita. I limiti altitudinali sono compresi tra 0 e 1200 m s.l.m.

Fiori ermafroditi sono di colore violetto-scuro e profumati. La pianta fiorisce da febbraio a aprile.

Le foglie riunite in rosetta basale, hanno la lamina cuoriforme con margine dentato. La superficie, talvolta, è leggermente pelosa.

I frutti sono capsule quasi sferiche e pelose.

La specie è Eurimediterranea. In Italia è presente su tutto il territorio. Nel Lazio è molto comune o comunissima nella maggior parte del territorio regionale.

L’olio distillato dai suoi petali è usato come aroma alimentare. In passato, i fiori della viola erano sparsi sui pavimenti delle case e delle chiese per profumare l’aria e nascondere così l’odore di muffa e di umido. L’ odore di questa viola si disperde nell’aria non appena viene raccolta e contiene una sostanza, la “ionina”, che smorza il senso dell’odorato, cosicché non si può sentire nessun altro odore.

Per gli antichi greci, la “viola mammola” era il fiore dei morti.[/vc_column_text][vc_zigzag][vc_raw_html]JTNDaWZyYW1lJTIwc3JjJTNEJTIyaHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGcGx1Z2lucyUyRnBvc3QucGhwJTNGaHJlZiUzRGh0dHBzJTI1M0ElMjUyRiUyNTJGd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbSUyNTJGbXVzZW9kZWxmaW9yZSUyNTJGcG9zdHMlMjUyRjMzMTM0MTEyOTIwMTk2NzglMjZ3aWR0aCUzRDUwMCUyMiUyMHdpZHRoJTNEJTIyNTAwJTIyJTIwaGVpZ2h0JTNEJTIyNzkyJTIyJTIwc3R5bGUlM0QlMjJib3JkZXIlM0Fub25lJTNCb3ZlcmZsb3clM0FoaWRkZW4lMjIlMjBzY3JvbGxpbmclM0QlMjJubyUyMiUyMGZyYW1lYm9yZGVyJTNEJTIyMCUyMiUyMGFsbG93VHJhbnNwYXJlbmN5JTNEJTIydHJ1ZSUyMiUyMGFsbG93JTNEJTIyZW5jcnlwdGVkLW1lZGlhJTIyJTNFJTNDJTJGaWZyYW1lJTNF[/vc_raw_html][/vc_column][/vc_row]