#IntornoAlMuseo

La ginestra dei carbonai

𝑳𝒂 𝒗𝒊𝒕𝒂 𝒊𝒏𝒕𝒐𝒓𝒏𝒐 𝒂𝒍 𝑪𝒂𝒔𝒂𝒍𝒆

Buon mercoledì dalla rubrica del Museo!

Oggi abbiamo piacere di parlarvi della ginestra dei Carbonai.

La specie Cytisus scoparius è una pianta erbacea perenne molto comune su tutto il nostro territorio italiano, ad eccezione della parte nord-est.
Appartenente alla famiglia delle Leguminosae, la ginestra va da un’altezza minima di 60 cm fino ad arrivare ai 2 metri!
Solitamente predilige terreni silicei o decalcificati e habitat come radure, luoghi a mezz’ombra, boschi di collina ecc…
Ha un’ampia distribuzione altitudinale che arriva fino ai 1400 metri; infatti è presente in diverse tipologie di paesaggi che vanno dal livello del mare, alla collina, alla montagna e a parte del settore geografico subalpino.

Solitamente identificata come pianta colonizzatrice, fa ben intendere il suo livello di frugalità e le sue indubbie capacità di adattamento in risposta alle varie tipologie di terreno in cui si trova.
Il portamento cespuglioso robusto la rende perfetta anche come pianta ornamentale, con i suoi fiori color giallo-oro.
Essendo una pianta mellifera, amica delle api, la sua impollinazione è principalmente entomogama.
I frutti sono dei legumi appiattiti di colore nero, deiscenti, che una volta aperti disperdono i loro semi con l’aiuto prezioso delle formiche (disseminazione mirmecorica).

Ma perché ginestra dei Carbonai?
Una volta, tra i tanti utilizzi, i Carbonai la usavano per creare il tetto delle loro stazioni di lavoro nel bosco.

Contattaci

📞 +39 388 856 8841 (anche WhatsApp)

📧 info@museodelfiore.it

9 + 5 =